Lecce-Napoli 1-4: le pagelle dei giallorossi

By
Updated: settembre 22, 2019
70645667_2165000683800376_1234740653070483456_n
70645667_2165000683800376_1234740653070483456_n

Le pagelle dei giallorossi

LECCE (di Carmen Tommasi) – Il Napoli batte 4-1 il Lecce davanti al suo pubblico amico e i giallorossi rimangono fermi a quota tre punti. Vanno in gol Llorente due volte, Insigne e Fabian Ruiz, a nulla serve la rete su penalty di Mancosu (LEGGI QUI).

Le pagelle:

Gabriel: NON MALE. Intuisce il primo tiro del match di Insigne e lo spedisce in angolo, “bissa” sugli sviluppi e salva il risultato. Dice di “no” al primo rigore di Insigne, ma l’arbitro decide di ripeterlo: intuisce, ma non lo para. VOTO 5.5.

Rispoli: IMPRECISO. Insigne non è un avversario per niente semplice da tenere a bada, ma non lui non sfigura del tutto. In alcuni casi difende, però, senza convinzione e fa lo stesso quando deve spingere. VOTO 5. (dal 20’ Benzar: Nulla di importante: si fa notare solo per la “nuova” chiama bionda. VOTO 5).

Lucioni: ESPERTO. Milik e soci non gli fanno paura: guida la difesa, se può si spinge in avanti e sbaglia davvero poco. VOTO 6.

Rossettini: DECISO. Non si fa spaventare dai “giganti” azzurri e cerca di fare meno danni possibili. VOTO 6.

Calderoni: TIMIDO. Spinge poco in avanti e sembra stanco, mentre nella ripresa ha più di qualche colpa sulla rete di Fabian Ruiz. VOTO 5.5.

Majer: CARICO. Uno dei migliori in campo: il Napoli da Champions a lui non fa per niente paura. Corre, ringhia e si proietta in avanti. VOTO 6.5

Tachsidis: INGENUO. Fa fatica ad impostare il gioco e sbaglia troppi palloni, molto ingenuo in occasione del penalty concesso al Napoli. VOTO 5. (dal 1’ st Petriccione: OK. Con “Modric” in campo i giallorossi sembrano molto più sprint in mediana. VOTO 6).

Tabanelli: GENEROSO. Un giocatore che non si risparmia mai e che suda la maglia, anche se è impreciso in più di qualche appoggio che potrebbe mandare in gol Farias e non solo. VOTO 6.

Mancosu: AVANTI TUTTA. Il capitano sta “tornando” e anche oggi non ha avuto paura a segnare un penalty “difficile” in una gara molto storta. VOTO 6.5.

Falco: SPENTO. La prima partita non ai suoi livelli delle quattro finora giocate, anche se i difensori azzurri hanno avuto un occhio di riguardo per lui. VOTO 5.5. (dal 65’ st Lapadula: INNOCUO. Non lascia il segno e non riesce ad aiutare i compagni. VOTO 5).

Farias: NON AL TOP. Parte bene e poi si perde con il passare dei minuti. La forma fisica non lo aiuta, ma le idee ci sono. VOTO 6.

Allenatore Liverani: ALTI E BASSI. Il suo Lecce parte a sorpresa senza una vera punta di peso, come Babacar o La Mantia, ma nella prima fase di gioco i suoi non sfigurano. Poi si perdono, commettono tanti errori tecnici e subiscono ben 4 gol (10 gol incassatti in 4 gare e 3 segnati). In serie A ci vuole pazienza, come lo stesso tecnico ha spesso ribadito. VOTO 5.5.

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 22 settembre 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *