Arriva il Bologna di Mihajlovic: l’ultima gara del 2019

Si gioca domenica alle ore 15:00 al "Via del Mare": Fabio Liverani riabbraccia l'amico e collega Sinisa Mihajlovic, sempre se il tecnico serbo sarà in panchina

By
Updated: dicembre 17, 2019
1200px-Logo_Bologna_FC_2018.svg
1200px-Logo_Bologna_FC_2018.svg

Il Lecce domenica ospita il Bologna, fischio d’inizio ore 15:00. Foto: fonte web

LECCE (di Carmen Tommasi) –  Lecce-Bologna è l‘ultima gara del 2019 per i giallorossi e per i rossoblù. Fabio Liverani incontra l’amico ed anche ex compagno di squadra alla Lazio, Sinisa Mihajlovic. Il guerriero serbo che sta affrontando la battaglia più dura della sua vita, quella contro la leucemia. Il suo appello è stato accorato: “Donate il midollo osseo”.

Preziosissima vittoria di misura, nella seconda gara di fila allo stadio dall’Ara, per i felsinei di 2-1 ai danni della forte Atalanta, reduce dalla super qualificazione agli ottavi di finale di Champions League. I bolognesi hanno riscattato così la sconfitta di domenica scorsa con il Milan: 2-3. La Dea, in una gara ricca di emozioni, viene superata grazie ai gol di Palacio, in giornata di gloria, e Poli. Malinovskyi accorcia le distanze, ma non basta. Nel finale la squadra di Mihajlovic riesce a mantenere il risultato nonostante gli ultimi minuti in inferiorità numerica per il doppio giallo a Danilo. Positiva anche la scelta Dzemaili come trequartista al fianco di Orsolini e Sansone, con Palacio falso nueve con tantissimi contropiedi gestiti in maniera intelligente dal reparto avanzato.

Non un momento magico per il Bologna nell’arco di una prima parte di campionato comunque non negativa: prima della gara contro la squadra di Gasperini, in cui è tornato al successo dopo quasi due mesi di assenza, veniva da 4 sconfitte nelle ultime 6 partite, con in mezzo il pareggio casalingo col Parma e la prestigiosa vittoria di Napoli unici sorrisi calcistici per Sansone e compagni.

La squadra del tecnico rossoblù nell’ultimo match ha giocato con il 4-2-3-1: le sue squadre fanno un calcio aggressivo a prescindere dall’avversario che si trovano davanti, talvolta anche rischiando imbarcate. Ciò che, però, non manca mai è l’intensità e la voglia di fare la partita. Anche se il 4-3-3 è il modulo che piace di più a Sinisa e che lo ha accompagnato per quasi tutta la carriera.

Diciannove punti in classifica, in condominio con il Verona, dopo 16 gare giocate: 24 gol segnati e 27 subiti, cinque in meno ai giallorossi. Sinisa può contare di buoni elementi in avanti come Orsolini, Palacio e Sansone, quest’ultimo ha siglato 4 gol nella stagione in corso. In mezzo al campo ci dovrebbe essere il solito Medel che giostrerà accanto a Poli, favorito su Svanberg, e Dzemaili. Questo il bottino stagionale fuori casa in otto gare disputate: 2 vinte, 2 pareggiate e 4 perse per otto punti conquistati.

Si gioca domenica alle ore 15:00 allo stadio Via del Mare, con gli emiliani che dovranno fare sicuramente a meno di Soriano, Krejci e Dijks tutti infortunati, oltre a Danilo che verrà appiedato dal giudice sportivo. Con la viva speranza di vedere, anche questa volta, Sinisa Mihajlovic in panchina a riabbracciarsi forte con Liverani.

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 17 dicembre 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *