Venezia-Lecce: le probabili formazioni, qualche rotazione per Zanetti e Corini?

0

LECCE – Dare il massimo per non avere rimpianti, discorso che vale sia per Venezia e Lecce. Allo stadio “Penzo” di Venezia i padroni di casa ospitano il Lecce, partita d’andata di semifinale valida per l’accesso alla finale di serie B. La squadra di Paolo Zanetti arriva all’appuntamento dopo l’esaltante vittoria in rimonta ottenuta nei quarti di finale contro il Chievo: match finito 3-2 per i lagunari dopo 180′. I salentini hanno conquistato l’accesso diretto alle semifinali con il quarto posto in classifica, dopo che per larghi tratti del campionato hanno accarezzato con il secondo posto in classifica la promozione diretta. Il ritorno si giocherà giovedì 20 maggio alle 18:30 al “Via del Mare”. In caso di parità, a staccare il pass per la finale sarà la squadra che meglio si è piazzata in classifica nel corso della regular season. Paolo Zanetti si affiderà ad un 4-3-1-2 nel quale Modolo e Ceccaroni dovrebbero andare a comporre la coppia centra difensiva. Tra i pali toccherà a Maenpaa. In attacco possibile la coppia Forte-Di Mariano con Aramu a supporto. Modulo speculare per Eugenio Corini che sugli esterni si affiderà a Maggio e Zuta. Le chiavi del centrocampo dovrebbero essere affidate e Hjumland, mentre in attacco, Mancosu dovrebbe agire da trequartista alle spalle di Coda e Stepinski. Non ci sono Pettinari e Rodriguez. Fischio d’inizio ore 20:45, arbitra Marini di Roma 2.

Le probabili formazioni:

VENEZIA (4-3-1-2): Maenpaa; Ferrarini, Modolo, Ceccaroni, Molinaro; Maleh, Taugordeau, Fiordilino; Aramu; Forte, Di Mariano. Allenatore Zanetti.

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Maggio, Lucioni, Meccariello, Zuta; Majer, Hjumland, Björkengren; Mancosu; Stepinski, Coda. Allenatore: Corini.

STADIO: “Penzo”, fischio d’inizio ore 20:45.

ARBITRO: Marini di Roma 1.

DOVE VEDERLA: sulla piattaforma Dazn, radiocronaca in esclusiva su RadioRama.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorini: “Serve grande energia, ma anche equilibrio”
Articolo successivoDomani subito altro allenamento