Consiglio Figc: l’obiettivo è far ripartire serie A, B e C

I playoff sono l'ultima idea: si attende la decisione definitiva del Governo, ma la Federazione ha sottolineato, ancora una volta, la volontà di riprendere tutti i campionati professionistici. Stop definitivo dalla serie D in giù

By
Updated: maggio 20, 2020
Gravina
Gravina

Gabriele Gravina, presidente Figc

LECCE – Qualcosa inizia a muoversi o meglio ci sono le prime certezze anche nel mondo del pallone, a partire dall’ok arrivato ieri per la ripresa degli allenamenti di gruppo. Detto ciò, la volontà  da parte del Consiglio della Figc è quella di far riprendere e portare a termine i campionati di serie A, B e C. L’obiettivo del presidente federale, Gabriele Gravina, è quello di concludere sul campo tutti i tornei: per la massima serie si cercherà di evitare il supporto dei playoff, che saranno comunque l’ultima spiaggia ma solo in una situazione in cui non ci saranno i tempi tecnici per giocare tutte le partite.

THE END – La data di chiusura del campionato 2019/2020 dovrebbe essere ufficialmente quella del 31 agosto, ma i tornei dovranno essere conclusi entro il 20. Il tutto in attesa di una decisione definitiva da parte del Governo, prevista per il 28 maggio, come ha già fatto sapere il ministro Vincenzo Spadafora. È previsto, invece, per i campionati dilettantistici, dalla serie D in poi, lo stop definitivo della stagione in corso sospesa a causa dell’emergenza coronavirus.

LE DATE – La ripartenza, secondo i primi “calcoli”, dovrebbe arrivare nel weekend tra il  20 e il 21 giugno, ma si pensa anche ad una deroga per cominciare il 13, data questa che era stata inizialmente indicata dalla Lega Serie A. Ovviamente, come sottolineato più volte dal ministero dello Sport, tutto sarà legato all’evoluzione del virus e alla curva dei contagi da qui a 7-8 giorni, momento in cui potrebbe finalmente arrivare l’ok definitivo alla scelta di una data ufficiale. Nel frattempo, in queste ore le squadre di serie A, Lecce compreso, si sono organizzate per dare il via agli allenamenti di gruppo senza il tanto discusso ritiro (abolito dal protocollo rivisto dal Governo che ha tenuto conto delle obiezioni di club e calciatori).

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 20 maggio 2020

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *