Tommasi avverte: “La stagione forse è finita”

Il presidente dell'AIC: "Dopo le parole del ministro Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c'è"

By
Updated: marzo 30, 2020
Tommasi, presidente AIC
Tommasi, presidente AIC

Tommasi presidente AIC

LECCE – “Dopo le parole del ministro Spadafora, la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c’è”: così il presidente AIC Damiano Tommasi che spiega le aspettative in merito all’incontro di oggi tra la Lega di serie A e l’Assocalciatori. Meeting in cui si parlerà di come e quando ripartire ma, soprattutto, degli attesi e ormai notissimi tagli degli stipendi.

Tommasi afferma: “Domani (oggi, ndr) sul tavolo abbiamo un elemento in più rispetto alle scorse settimane: occorre dunque porsi il problema della chiusura della stagione da un punto di vista sportivo, dei contratti, insomma formale”.

L’ex centrocampista, infine, spiega: “Sul taglio degli stipendi cerchiamo se possibile una soluzione comune La Juve è andata avanti ma non ci ha colto di sorpresa, sapevamo tutto e non ci sentiamo delegittimati, tra l’altro Chiellini è nostro consigliere: se loro hanno trovato un accordo va bene così”.

Quella che l’affascinante campionato di calcio non riprenda più per questa stagione è un’ipotesi più che realistica, quindi, bisognerà aspettare e navigare a vista per capire cosa potrebbe succedere a breve. Una cosa è certa: in massima serie, come nella patinata Premier o in Liga, anche il Barcellona di Messi e compagni si sono “stoppatti” e devono cercare di fare dei “saldi” agli ingaggi in un momento in cui il mondo è in ginocchio a causa dell’emergenza coronavirus. Il momento è delicato, storico, e le alternative non ci sono: bisogna sacrificare il portafoglio dei protagonisti del calcio che conta.  La Lega Serie A, oggi, si soffermerà proprio su questi aspetti.
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 30 marzo 2020

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *