Brescia-Lecce 3-0: le pagelle dei giallorossi

Difesa horror, centrocampo molle e attacco inconcludente: le rondinelle fanno festa

By
Updated: dicembre 14, 2019
received_452348022366841
received_452348022366841

Le pagelle dei giallorossi

BRESCIA (di Carmen Tommasi) -Al “Mario Rigamonti” la sfida tra Brescia e Lecce finisce 3-0. Sblocca il match Chancellor, con il suo primo gol in A, raddoppia poco prima dell’intervallo Torregrossa sfruttando un erroraccio di Gabriel. Nella ripresa Spalek serve il tris (LEGGI QUI).

Le pagelle:

Gabriel: Imperdonabile. Il secondo gol arriva su un suo erroraccio e questo basta per cancellare quanto di buono fatto nella ripresa. VOTO 4.5.

Rispoli: Percorre la propria fascia di competenza mille e mille volte, ma non sempre con concretezza. Impreciso nei disimpegni difensivi. VOTO 5.

Rossettini: Traballa. Si fa aiutare dall’esperienza, ma poi va in affanno anche lui. VOTO 5.

Dell’Orco: Distratto. Non segue Chancellor in occasione del vantaggio nella sua seconda partita di fila da centrale. Brutta gara per l’ex Sassuolo, ma non solo per lui. VOTO 5.

Calderoni: Non molla. Impegna Alfonso con un bel tiro dei suoi dalla distanza, ma è complice anche lui in occasione delle prime due reti del Brescia. VOTO 5.

(dal 71’ Babacar: Spirito giusto. Entra e cerca subito il gol, ma la palla rimbalza male e non riesce ad impegnare più di tanto Alfonso. Sufficienza di fiducia. VOTO 6).

Majer: Sfortunato. Non è più il giocatore decisivo d’inizio stagione, va spesso in affanno. Si becca un giallo e salterà il Bologna per squalifica, era già diffidato. In più, si fa anche male alla caviglia ed è esce dal campo dolorante. VOTO 5. (dal 60’ Farias: Non incide. Entra nel momento in cui il Brescia sigla il 3-0 e non lascia il segno. VOTO 5).

Tachtsidis: Geometrico nei lanci e nei cambi di gioco, non sempre brillantissimo. Non raggiunge la sufficienza, anche se l’impegno non manca. VOTO 5.5.

Tabanelli: Di cuore. Gioca con la fascia da capitano al braccio: non è una delle sue partite migliori, ma non molla mai la presa ed esce dal campo stremato. VOTO 5.5.

Shakhov: Inconsistente. Un primo tempo senza lasciare traccia, non è d’aiuto ai compagni di reparto. VOTO 5. (dal 10′ st Falco: Furetto. Si fa notare per una bella punizione con il suo mancino educato e poco altro. VOTO 6.)

La Mantia: Impreciso. Non incide e nel finale si divora un’occasione da rete, non è da lui. VOTO 5.

Lapadula: Mai domo. Si muove tantissimo ed è sempre generoso, ma poco concreto sottoporta. Si becca un giallo, già diffidato, e salterà la prossima con il Bologna. VOTO 5.5.

Allenatore Liverani: Brutta sconfitta in uno scontro diretto per la salvezza: solito approccio molle dei suoi e, in più, continuano a pesare gli errori tecnici ed individuali (vedi quello di Gabriel sul 2-0, ma è solo un esempio). Troppe le 32 reti subite in 16 giornate e i cambi oggi, forse, sono risultati tardivi. VOTO 5.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 14 dicembre 2019

One Comment

  1. Antonio Perrone

    14 dicembre 2019 at 19:14

    Qualcuno mi sa dire se Sharkhov e veramente un giocatore di calcio? io ho molti dubbi.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *