Petriccione: “Che bello giocare all’Olimpico. La Lazio? Tra le più in forma del campionato”

By
Updated: novembre 6, 2019
IMG-20191106-WA0004
IMG-20191106-WA0004

Jacopo Petriccione, centrocampista U.S. Lecce

LECCE – “Sono soddisfatto di come sto facendo in questo scorcio di campionato, mi sento in un buon momento di forma e questo sicuramente aiuta. Nelle ultime gare sono cresciuto sia fisicamente che tecnicamente e devo continuare così. Veniamo da quattro risultati utili consecutivi, anche se nelle ultime due uscite meritavamo di più”: così Jacopo Petriccione, centrocampista giallorosso  24enne, che in punta di piedi si è conquistato una maglia da titolare anche in serie A nel Lecce di Fabio Liverani.

SAMP E  SASSUOLO –Quale degli ultimi due pareggi scende meno? Danno fastidio entrambi, anche se nella trasferta di Genova con la Sampdoria abbiamo dominato per lunghi tratti dell’incontro e abbiamo subito la rete del pareggio in pieno recupero. La squadra fisicamente sta bene e cerca di proporre il suo gioco su tutti i campi, fermo  restando che dobbiamo continuare a lavorare sodo per migliorare. La nostra forza è il gruppo e lo si vede dal fatto che chiunque di noi scende in campo dà sempre il massimo e fa bene. Quando il gruppo fa bene il singolo riesce ad esaltarsi”.

LA SQUADRA Di INZAGHI – “Domenica affronteremo la Lazio che è tra le squadre più  in forma del campionato in questo momento, che riesce ad andare il gol con costanza e con il suo allenatore ha la propria idea di gioco da diversi anni. Ci aspetta un compito difficile e dovremo essere cattivi e concentrati, dando il massimo. Certamente sarà emozionante giocare all’Olimpico, come lo è stato su altri campi, ma poi una volta sul terreno di gioco pensi solamente a giocare”.

I TIFOSI“I nostri supporter sono uno spettacolo, lo abbiamo constatato nello scorso torneo, nel quale ci hanno seguito su tutti i campi e in ogni giorno della settimana. Sentire quel boato a San Siro per la rete di Calderoni è stato veramente entusiasmante. Se la squadra gioca bene è anche merito loro e dobbiamo solo ringraziarli”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 6 novembre 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *