Liguori a Piazza Giallorossa: “Felici del nostro progetto. Il Napoli? Sudare la maglia, giocare, correre e dare l’anima”

By
Updated: settembre 18, 2019
20190918_095953

LECCE – Il vicepresidente del Lecce Corrado Liguori, ospite della puntata 1486 di Piazza Giallorossa in diretta su Telerama, ha parlato della prima vittoria in serie A dei giallorossi con il Torino e del momento della comitiva giallorossa: “Noi dobbiamo essere felici a tutti i livelli perché qualche anno fa è partito un progetto con la P maiuscola, serio, che sarà fatto di momenti molto alti, meno alti, momenti di difficoltà e altri felici, veniamo da due campionati in cui la vittoria è stato il leitmotiv e tutti ci siamo abituati a vincere la maggior parte della partite e perderne pochissime, purtroppo e questo nel campionato di A dobbiamo dimenticarcelo. Dobbiamo cambiare a livello culturale perché non possiamo fare il percorso che abbiamo fatto in C e in B ma esattamente il contrario perché ci saranno parecchie sconfitte, dei pareggi, e poi avremo delle vittorie che se gestite bene ti permettono di salvarti, ma cambia la dimensione, quindi dobbiamo essere tutti felici perché siamo tutti quanti all’interno di questo progetto e col tempo giusto, lasciandolo decollare, e siamo alla velocità di crociera, in una fase di decollo, perché a noi piacerebbe strutturarci in un certo modo, ci vuole del tempo per capire dove possiamo arrivare e dobbiamo essere felici di vivere questo momento”.

Cosa pensa del tecnico Fabio Liverani?

Impersonifica il progetto perché quando noi parliamo di qualcosa nato qualche anno fa, lo facciamo pensando che sia nato con lui; il mister ha realizzato in questi anni, insieme al diesse e alla società, qualcosa che non accadeva da 7 anni, ci sono stati anni infernali in C, adesso siamo in A e sono passati solo due anni da Alessandria, da quei rigori che ci condannarono a restare in C. C’è un progetto serio, limpido e onesto e Liverani è il cardine”.

Domenica c’è Lecce-Napoli: cosa ci dice sulla polemica relativa al prezzo dei tagliandi?

Era l’unico modo per mantenere la sostenibilità di una campagna abbonamenti fatta prezzi stracciati. Nella vita ci vuole coerenza e noi lo abbiamo dichiarato durante il lancio della campagna abbonamenti che è stata costruita su questo meccanismo. Le strade erano due, o facevi la giornata giallorossa con la Juventus e facevi il pienone oppure dovevi privilegiare, e lo abbiamo fatto, coloro che ci hanno sostenuto sempre e comunque, e oltre quei 6-7000, dei sempre qui e tariffa fedeltà abbiamo fatto 12mila abbonamenti con prezzi veramente popolari, e dopo aver dichiarato che i prezzi sarebbero stati più alti in quelle partite per coerenza bisognava farlo. Abbiamo messo tutti nelle condizioni di potersi abbonare con prezzi modici e la possibilità di rateizzare l’abbonamento, poi se uno vuole venire a vedere solo la Juventus o le altre big deve pagare”.

Che partita sarà domenica pomeriggio, ore 15:00, contro la squadra di Ancellotti?

Partita difficilissima, più difficile della maggior parte delle gare di A, perché è una squadra fortissima che sta vincendo contro i campioni d’Europa per 2 a 0, per fortuna nel calcio non c’è nulla di scontato e il pallone è rotondo e faremo di tutto per contrastare una squadra che è sempre seconda da tanti anni. Per cercare di portare a casa un risultato positivo se non dovesse accadere non muore il mondo, perché non è contro il Napoli che dobbiamo cercare i punti salvezza”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 18 settembre 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *