Tutto in 90 minuti

By
Updated: maggio 4, 2019
IMG-20190429-WA0173
IMG-20190429-WA0173

Il Lecce si gioca tutto nell’ultima partita di campionato con lo Spezia

LECCE (di Carmen Tommasi) – Una stagione intera in 90 minuti. Tutto in una sola partita. Trentasette gare disputate che ne valgono una sola. La possibile promozione diretta in serie A per il Lecce deve necessariamente passare dalle mura amiche del “Via del Mare” nella gara con lo Spezia del prossimo 11 maggio. Giorno in cui il presidente Saverio Sticchi Damiani compie gli anni.

La penultima giornata di serie cadetta, la 37^ in cui i giallorossi hanno riposato, rimanda il discorso salto di categoria dalla porta principale per Lecce e Palermo all’ultima gara: i siciliani, dopo il 2-1 ottenuto all’87’ in casa dell’Ascoli, vanno a meno uno dai lupi salentini. La squadra di Fabio Liverani è, però, in svantaggio negli scontri diretti contro i rosanero (due vittorie del Palermo in questo campionato, sempre per 2-1). Dopo un campionato che, come da tradizione, è stato spettacolare, sorprendente e tosto si deciderà tutto, o quasi, negli ultimi 90’.

Adesso diventano, quindi, fondamentali i due match Lecce-Spezia e Palermo-Cittadella di sabato prossimo, entrambi in programma alle ore 15:00, come tutta la 38esima giornata: i giallorossi volerebbero sicuramente in serie A con una vittoria, portandosi così a 66 punti, ma a capitan Mancosu e soci per raggiungere l’obiettivo potrebbe bastare anche un k.o. o un pareggio; questo, però, solo in caso di sconfitta o pareggio dei siciliani.

Chi ha già abbondantemente festeggiato la massima serie con due giornate d’anticipo è, invece, il Brescia che oggi ha pareggiato 0-0 a Cremona.

Adesso massima concentrazione per la formazione di Fabio Liverani, che non dovrà fare calcoli ma pensare solo ai tre punti, in quella che sarà una settimana importante, la più delicata della stagione e quella più intesa di emozioni. Meno 7 giorni dal fischio d’inizio di Lecce-Spezia, nel tutto “esaurito” Via del Mare, e poi sarà tempo di sorrisi o di lacrime. Di gioia, si spera.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 4 maggio 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *