Venuti è carico: “Il Pescara? Dobbiamo riprenderci i punti persi all’andata”

Il terzino giallorosso ha le idee ben chiare in vista del big match di domeanica: "Giocare gli scontri diretti adesso è un vantaggio perché i punti valgono doppio"

By
Updated: marzo 28, 2019
Lorenzo Venuti
Lorenzo Venuti

Lorenzo Venuti, difensore U.S. Lecce

LECCE –  In vista della gara con il Pescara, di domenica al “Via del Mare” alle ore 21:00, parla l’ex di turno Lorenzo Venuti, detto “Lollo”. Il giocatore racconta la sua esperienza con la maglia degli abruzzesi e presenta la prossima gara: “A Pescara fu la mia prima esperienza tra i professionisti, anche se tutta quell’annata fu condizionata da un brutto infortunio al ginocchio.  Mi ha fatto piacere che poi Baroni, che ai tempi allenava al Pescara, mi ha voluto in seguito con lui al Benevento. Ricordiamo bene la gara d’andata, loro erano -ha spiegato il difensore di Montevarchi- in un momento nel quale andavano a gonfie vele, noi eravamo ancora in un periodo di rodaggio. Quella partita, visto l’andamento, ci fece capire l’unità e la forza del nostro gruppo, sebbene il risultato finale.

AVANTI TUTTA – Il terzino giallorosso,  23 anni, sogna la promozione in massima serie con la maglia giallorossa: “Nella mia carriera ho già ottenuto una promozione nella massima serie con il Benevento, neopromosso in Serie B  e che come obiettivo aveva la salvezza. Quella squadra era più una formazione da Serie B, molto cinica, mentre, il Lecce, se si può dire, è più da Serie A, nel senso che proviamo sempre a giocare a calcio, cercando di mantenere il possesso della palla. Falco? Pippo a Lecce è diventato un giocatore concreto e penso che abbia ancora margini di di miglioramento. La prossima sfida con il Pescara? Ora tutte le partite sono decisive come una finale. Giocare gli scontri diretti adesso è un vantaggio perché i punti valgono doppio. Come è successo con l’Ascoli, di riprenderci i punti lasciati all’andata”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 28 marzo 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *