Tre giornate a Gerbo, 2 a Montalto, 1 a Empereur: le decisioni del giudice sportivo

By
Updated: febbraio 25, 2019
GIUDICE-SPORTIVO-213212

LECCE – Il Giudice Sportivo, Emilio Battaglia, assistito da Stefania Ginesio e dal Rappresentante dell’A.I.A. Carlo Moretti, nel corso della riunione del 24 febbraio 2019, ha assunto le decisioni qui di seguito riportate:

CALCIATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER TRE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA

GERBO Alberto (Foggia): per avere, al 44° del primo tempo, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito un calciatore avversario con un calcio alla coscia; infrazione rilevata da un Assistente.

SQUALIFICA PER DUE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA

MONTALTO Adriano (Cremonese): per comportamento gravemente antisportivo, perché, al 46° del secondo tempo, a giuoco fermo, in reazione ad un fallo subito, colpiva un calciatore avversario con una piede sulla coscia.

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

CASASOLA Tiago Matias (Salernitana): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.

DERMAKU Kastriot (Cosenza): per avere commesso un intervento falloso su un avversario in possesso di una chiara occasione da rete.

EMPEREUR Alan (Hellas Verona): doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario.

MACHACH Zinedine (Crotone): per avere, al 35° del secondo tempo, assunto un atteggiamento irrispettoso nei confronti del Direttore di gara.

CALCIATORI NON ESPULSI

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

DRUDI Mirko (Cittadella): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

IMPROTA Riccardo (Benevento): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

JELENIC Enej (Carpi): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

MUNGO Domenico (Cosenza): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione).

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 25 febbraio 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *