Lecce-Livorno 3-2: le pagelle dei giallorossi

La Mantia è devastante e capitan Arrigoni è tutto cuore

By
Updated: febbraio 17, 2019
52590318_343201033198529_7499044260667195392_n
Andrea La Mantia, attaccante Lecce (foto Pinto)

Andrea La Mantia, attaccante Lecce (foto Pinto)

LECCE  (di Carmen Tommasi) – Al “Via del Mare” il Lecce, sotto di due reti alla fine del primo tempo, conquista prima il pari e poi in pieno recupero trova il colpo vincente per il sorpasso definitivo con un super La Mantia. Finisce 3-2 per la formazione di Liverani in una gara che regala emozioni e grandi colpi di scena (LEGGI QUI).

Lecce:

Vigorito: Bene su Giannetti nel primo tempo, ne incassa due ma poco può e dopo esulta per la grande rimonta. VOTO 6.

Venuti: Ha sulla coscienza la palla persa in occasione del 2-0 amaranto e poi si distrae in più di qualche occasione dietro. Non benissimo in fase propositiva. VOTO 5.5.

Meccariello: Se la intende a dovere con il compagno Marino. Non compie sbavature plateali e fa il suo. VOTO 6.

Marino: Sostituisce lo squalificato Lucioni e non demerita, anche se perde la bussola in più di una situazione. VOTO 6.

Calderoni: Non male in fase di spinta, compie più di una discesa importante. Molto soft la marcatura su Raicevic, che ha tutto il tempo per fare da sponda per il 2-0 di Diamanti. VOTO 5.5.

Tabanelli: Gioca solo un tempo e non si dimostra all’altezza della situazione: sbaglia un fondamentale aggancio a centrocampo e regala la ripartenza per l’1-0 dei toscani. VOTO 5. (dal 46′ Tumminello: Non pervenuto. Non entra mai in partita e sbaglia tanto. VOTO 5).

Tachtsidis: Dirige i suoi in maniera ordinata ed i migliori palloni per i compagni di squadra arrivano tutti dai suoi piedi. Esce dal campo sfinito. VOTO 6. (83′ Haye s.v.).

Arrigoni: La sua è una partita giocata con il cuore e con la testa. Vuole dimostrare di poter dare ancora tanto al suo Lecce. Da una sua incomprensione con Tabanelli nasce, però, il vantaggio dei toscani. Da riproporre. VOTO 7.

Falco: Un super  giocatore, che anche quanto non sta benissimo fisicamente, si accende e fa molto bene il suo. Al Lecce serve, comunque, il miglior “Pippo”. VOTO  6.5. 

Palombi: Spento. Fa poco e non si rende, quasi mai, pericoloso. VOTO 5.5. (83′ Saraniti s.v.).

La Mantia: Devastante. Segna due gol che regalano la vittoria al Lecce e ne avrebbe potuto siglare almeno altri due ad inizio match. Utile, come sempre, anche in fase di non possesso. VOTO 7.5.

All. Liverani: Un Lecce che non molla mai la preda e che cerca sempre di vincere. Sotto di due gol ha cambiato la partita e il modulo, il 4-2-4. Bene così, nonostante un primo tempo da dimenticare. VOTO 7.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 17 febbraio 2019

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *