Mano dura del Giudice Sportivo con l’US Lecce

Inibizione per il presidente Sticchi Damiani e il diesse Meluso, ammenda di 10mila euro e squalifica (ovvia) per Calderoni e Meccariello

By
Updated: novembre 6, 2018
Meluso

LECCE – Oltre alla squalifica, ovvia, per una giornata a testa per Marco Calderoni e Biagio Meccariello per doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario, il Giudice Sportivo, dopo la gara Pescara – Lecce e le proteste nate da un arbitraggio che ha lasciato tante perplessità, ha inibito a svolgere ogni attività in seno alla F.I.G.C. Il direttore sportivo Mauro Meluso, fino al 20 novembre (per avere, al 32° del secondo tempo, alzandosi dalla panchina aggiuntiva, contestato una decisione arbitrale; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale. Successivamente, al termine della gara, negli spogliatoi, rivolgeva all’Arbitro espressioni irriguardose) ed il Presidente del sodalizio l’avv. Saverio Sticchi Damiani fino al 15 novembre (per avere, al termine della gara, negli spogliatoi, rivolto all’Arbitro espressioni irriguardose).

Inoltre è arrivata l’ammenda di 10mila euro alla Società per avere suoi sostenitori, – si legge nel comunicato – nel corso della gara, lanciato nel settore occupato dai sostenitori della squadra avversaria sette bengala ed un fumogeno; per avere, inoltre, lanciato nel recinto di giuoco cinque bengala; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Infine da segnalare l’ammenda al Pescara di € 5.000,00 a titolo di responsabilità oggettiva, per avere propri raccattapalle sistematicamente rallentato, nel corso del secondo tempo, la regolare ripresa del giuoco. La situazione non migliorava nonostante le sollecitazioni dell’Arbitro al capitano e del Quarto Ufficiale ai dirigenti della squadra.

 Per visionare l’intero comunicato del 6 novembre con tutte le decisioni

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 6 novembre 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *