Liverani a 360° e… sul mercato: “Sia in uscita che in entrata ci sono 6 o 7 elementi”

Alla vigilia della partenza per il ritiro il mister del Lecce, Fabio Liverani, ha parlato ai giornalisti

By
Updated: luglio 14, 2018
Fabio Liverani
Fabio Liverani

Fabio Liverani

LECCE – Fabio Liverani è pronto e scalda i motori della sua nuova creatura, questa mattina ha parlato presso l’Hotel Tiziano di Lecce insieme al team manager Claudio Vino.

DIFFERENZA PASSATA STAGIONE – “La differenza sostanziale con la scorsa stagione è la categoria; lavorare dall’inizio con la squadra è un vantaggio. Ha affermato il tecnico romano –  Il ritiro è importante perché serve a trasformare un gruppo che si sta trasformando in squadra, mi piace poter lavorare dall’inizio per poter fare un lavoro a lungo termine”.

MERCATO – “Il mercato lo valuto alla fine, sono arrivati giocatori buona qualità che devono integrarsi con la squadra, oltre alle qualità tecniche cechiamo persone con qualità morali. Cerchiamo i calciatori giusti, scegliendo in base alle due caratteristiche, per ora sono arrivati calciatori con queste qualità. Sei o sette elementi sono usciti ed altri sei o sette in entrata. Sulla difesa dobbiamo fare abbastanza,  poi serve un portiere, qualcosa in mezzo al campo e magari alla fine un attaccante. – Ha spiegato Liverani – La differenza tra le due categorie è che in B ci sono giocatori più tecnici, qualità, che saltano l uomo, con una struttura fisica e mentalità differenti, sono queste le caratteristiche e l’identikit; infine bisogna avere calciatori di ricambio con le stesse qualità perché in 42 partite tutti devono essere pronti e qualitativamente simili. Perucchini? Abbiamo fatto delle valutazioni sulle caratteristiche, Pippo ha fato bene, è un prospetto che potrebbe tornare, è una questione tecnica e tattica, lui è stato uno degli artefici della promozione, è uno dei prospetti che seguiamo, e a breve il portiere arriverà. – Poi su una tutela in campo da parte dei senatori a Chiricò risponde così – Credo che la tutela debba conquistarsela da solo,  a prescindere dalla piazza, noi dobbiamo pensare al campo, al lavoro sul campo, poi c’è una società e un direttore che faranno le valutazioni con l’entourage del ragazzo e si troverà la soluzione migliore, all’interno del campo la tutela ai miei calciatori la garantisco io”.

MODULO – Poi Liverani parla di moduli: “ Di partenza useremo il 4-3-1-2 di partenza; idealmente non toccheremo i 4, tranne in partita, per il resto vedremo come metterli insieme. Il modulo a 5 in difesa non è nelle mie corde ma in fasi della partita possiamo prenderlo in considerazione”.

FALLIMENTI TASTO DOLENTE CALCIO – Il mister poi ha risposto sulla crisi attuale che attanaglia diverse squadre: “Quello che accade con i fallimenti  a prescindere dal calcio pugliese, non può essere tollerato, non dobbiamo essere troppo buonisti; bisogna trovare soluzione alle tante problematiche. Una squadra deve essere gestita come fosse un’azienda e chi sbaglia paga. Bisogna prevenire, chi non rispetta le regole deve essere punito a prescindere del nome, senza buonismo. Non si può arrivare tutti gli anni che a pochi giorni dei campionati senza avere la certezza nemmeno sulla composizione della griglia di partenza”.

SETTORE GIOVANILE – Il settore giovanile deve essere una grande risorsa, e va gestito con grande serietà. Ci siamo incontrati con Del Vecchio – ha rivelato Liverani – che viene da un’esperienza difficile a Bari ma ha lavorato bene, ha tanta voglia di fare bene, l’unica cosa che mi sento di dirgli è in bocca al lupo e noi siamo a sua disposizione. Bisogna investire nel settore giovanile, bisogna crescere e mettere le basi perché questo diventi un serbatoio della pima squadra e dia plusvalenze alla società”.

CR7 – Conclude con una battuta sull’arrivo di Ronaldo alla Juventus: “Serie A? Penso che sia più facile incontrarlo in coppa Italia, credo che oggi la Juventus abbia fatto un regalo a tutto il calcio italiano; dai tempi della cessione di Ibra all’estero non c’era un campione di questo livello, è un grandissimo campione”.

Claudio Vino

Claudio Vino

VINO – Infine il team manager giallorosso, Claudio Vino, spiega dei dettagli sulle prossime attività del Lecce: “Abbiamo predisposto due ritiri, uno al Terminillo e uno in casa per i non convocati che si alleneranno al Kick Off con mister Maragliulo, il professor Redavid, e avranno a disposizione lo staff sanitario del settore giovanile, saranno 7 o 8… al di là di chi è dispensato come Doumbia e Valeri, gli altri si alleneranno. Riccardi non parte perché completerà la fase di riabilitazione nel Salento. Noi invece, con i convocati che renderà noti il mister nelle prossime ore, andiamo al Terminillo, partiamo domani mattina e iniziamo a lavorare dal pomeriggio fino alla mattina del 29 e dopo pranzo rientriamo”.

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 14 luglio 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *