Il Presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, precisa: “Il mio auspicio è che il Foggia chiarisca la sua posizione… ma…”

Il numero uno di Via Col. Costadura ha voluto chiarire dal profilo facebook il suo pensiero con un post

By
Updated: giugno 26, 2018
IMG-20180528-WA0038

LECCE – Il Presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, non ama mai alzare i toni. Oggi si erano diffuse delle sue dichiarazioni in merito ai problemi che stanno attanagliando il Foggia in cui si diceva che nel caso di condanna del club rossonero, il Lecce avrebbe chiesto un risarcimento danni per la stagione 2016-17. Dichiarazioni importanti che se non contestualizzate generano polemiche, ed è un po’ quello che stava succedendo sui social.

Il post del presidente

Il post del presidente

Il numero uno di Via Col. Costadura ha voluto chiarire proprio dal suo profilo facebook il suo pensiero con un post che vi riportiamo integralmente:

Ieri alcune testate hanno riportato in maniera parziale il mio pensiero sulla questione Foggia, e quindi ho bisogno di fare alcune precisazioni. Io ho innanzitutto detto (a seguito di una specifica domanda), nel corso di un convegno sul fair play finanziario nel calcio, che il mio auspicio è il Foggia chiarisca la sua posizione e quindi conservi la categoria. Inoltre ho aggiunto che il Lecce NON ha intenzione di partecipare come controinterssato al processo sportivo in corso, come invece ha deciso di fare l’Entella, ed anzi si asterrà da qualsivoglia iniziativa processuale finalizzata a danneggiare sul piano sportivo il Foggia. Ed ho concluso, ed questa la parte riportata su alcuni giornali, che in caso di eventuale accertamento definitivo da parte del giudice sportivo dell’illecito contestato avrei l’obbligo morale di chiedere un risarcimento del danno subito dalla mia società nella stagione 2016-2017. Tutto qui, senza alcuna polemica.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 26 giugno 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *