Il Lecce espugna il “Granillo”, torna alla vittoria, e allunga sul Trapani. Reggina-Lecce 0-1

Decide un gol di Mancosu. Tanta sofferenza per i giallorossi che comunque vincono contro una buona Reggina

By
Updated: aprile 8, 2018
29792218_10211796247477483_8925322716924346368_n - Copia

REGGIO CALABRIA  – Dopo una settimana trascorsa in ritiro, in silenzio, lontano da occhi indiscreti a Roma, il Lecce torna alla vittoria al “Granillo” di Reggio Calabria, nella 34^ giornata del girone C del campionato di serie C mentre il Trapani cade sul campo della Virtus Francavilla.

La gara non è bella e la risolve nel primo tempo Mancosu al 10°. Fa poco altro il Lecce che si chiude a riccio e non bada all’estetica ma solo alla sostanza. Nel secondo tempo meglio la Reggina che meriterebbe il pareggio per la voglia e per le occasioni create ma termina con un gol di scarto e i salentini salgono a 68 punti, cinque lunghezze in più rispetto al Trapani e al Catania che però giocherà lunedì contro la Juve Stabia.

Da segnalare un gol annullato a Di Piazza al 14° per una presunta posizione di fuorigioco che però sembra non esserci.

PRIMO TEMPO – Liverani come sempre disegna un 4-3-1-2, ma deve fare i conti gli infortuni di Di Matteo e Torromino, e schiera Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino, Ciancio; Armellino, Arrigoni, Mancosu; Costa Ferreira; Saraniti, Di Piazza.

Maurizi costretto a rinunciare ai lungodegenti Garufi e Castiglia (operato giovedì) e a Pasqualoni squalificato, manda in campo col 3-5-2  Cucchietti; Laezza, Ferrani, Gatti; Hadziosmanovic, Giuffrida, La Camera, Mezavilla, Armeno; Tulissi, Bianchimano.

Primi minuti di confusione: si calcia in nome del “palla fai tu”; le compagini provano a prendere le misure.

Al 5° lampo Lecce: Lepore crossa morbido in mezzo e Saraniti impatta di testa ma la sfera termina fuori.

I giallorossi crescono col passare dei minuti e al 10° passano in vantaggio: Costa Ferreira riceve da Di Piazza, fa buon gioco e chiude il triangolo col bomber di Partinico che va sul fondo  e la serve in mezzo, arriva Mancosu e la piazza: per Cucchietti non c’è nulla da fare.

Al 13° break calabrese:  Hadziosmanovic serve Mezavilla che prova il tiro da fuori area ma è completamente fuori misura.

Al 14° gol annullato agli ospiti: Saraniti serve Di Piazza che insacca ma l’arbitro annulla per presunto fuorigioco anche se la posizione dell’attaccante sembra regolare.  Al 17° Lecce vicino al raddoppio: Di Piazza al volo di destro impegna severamente Cucchietti che si salva in angolo.

Al 25° proteste dei padroni di casa per un presunto fallo di mano di Cosenza in area.

Gli amaranto provano a rendersi pericolosi ma i giallorossi controllano bene; molto mobile Bianchimano che prova a spizzare e a servire Tulissi. Il Lecce in questa fase si difende dagli attacchi dell’avversario.

Nulla di eclatante accade e i minuti, incartati nei tatticismi, passano velocemente.

Al 45° punizione per un fallo di Di Piazza e giallo per lui e Mezavilla (per proteste, era diffidato salterà la prossima) ed è proprio il brasiliano sugli sviluppi a colpire di testa e a mancare di pochissimo il pareggio con Perucchini ormai battuto.

Il primo tempo termina con i salentini in vantaggio per 1-0.

SECONDO TEMPO –  Nessun cambio all’inizio della ripresa.

Al 47° Reggina pericolosa: La Camera crossa in mezzo per Bianchimano ma Cosenza lo anticipa in corner, sugli sviluppi Perucchini è vittima di un fallo e si ricomincia con una punizione in difesa.

Al 49° risposta del Lecce: Costa Ferreira trova l’imbucata per Di Piazza che entra in area, gira su stesso e prova il tiro a giro ma la conclusione è del tutto errata.

Al 51° Lepore commette fallo su Tulissi ed è punizione sull’esterno per i padroni di casa; batte La Camera ma calcia malissimo e sfera sul fondo.

Al 52° triplo cambio nel Lecce: fuori Di Piazza dentro Dubickas, fuori Saraniti dentro Caturano, fuori Costa Ferreira dentro Legittimo. Liverani si mette a specchio di fronte a Maurizi. Al 54° è proprio Caturano che spizza per Dubickas che prova la fuga ma viene stoppato dai centrali amaranto.

Al 61° giallo per Lepore per un fallo su Bianchimano e punizione sull’esterno sinistro a pochi metri dall’area di rigore. Batte La Camera libera Armellino in fallo laterale.

Al 63° primo cambio per Maurizi fuori Tulissi dentro Sparacello.  I padroni di casa premono, gli ospiti sono tutti nella propria metà campo e si difendono e provano a ripartire in contropiede ma sono spesso imprecisi.

Al 65° Lecce vicino al gol: Caturano dialoga con Dubickas, palla a Mancosu che entra in area ma sbaglia il diagonale divorandosi il gol, complice anche un terreno di gioco in condizioni pessime.

Al 70° Reggina pericolosa: Bianchimano prova a servire Sparacello al centro ma Cosenza anticipa. Al 71° doppio cambio: fuori Mezavilla e Giuffrida, dentro Marino e Provenzano.

Al 77° Reggina vicina al pareggio: Bianchimano in contropiede ruba il tempo a Cosenza ma Perucchini in uscita salva la situazione. L’attaccante si infortuna ed è costretto ad uscire al suo posto entra all’80° Sciamanna, e nella stessa occasione Maurizi manda in campo Condemi al posto di Hadziosmanovic.

Al minuto 82 Condemi va vicinissimo al gol e con Perucchini battuto, Legittimo salva sulla linea.

Il Lecce è alle corde, subisce troppo gli attacchi della Reggina che all’89° va ancora vicina al gol, erroraccio in fise di Legittimo che poi si riscatta mandando la sfera fuori.

La lavagnetta luminosa segnala 4 minuti di recupero. I giallorossi serrano i ranghi e al 91° provano a rendersi pericolosi con Dubickas ma il suo tiro smorzato da un difensore diventa facile preda di Cucchietti.

Al 92° Perucchini deve distendersi su un colpo di testa di Gatti per agguantare la sfera. Scorrono i minuti e il Lecce, nonostante una prova imperfetta, torna alla vittoria mentre da Brindisi arriva la notizia della vittoria della Virtus Francavilla sul Trapani. E sono tre punti d’oro per i giallorossi. Buona prova dei ragazzi di mister Maurizi che provano a pareggiare fino all’ultimo secondo dell’ultimo minuto.

TABELLINO

REGGINA – LECCE 0-1

REGGINA (3-5-2): Cucchietti; Laezza, Ferrani, Gatti; Hadziosmanovic (80° Condemi), Giuffrida (71°Provenzano), La Camera, Mezavilla (71° Marino), Armeno; Tulissi (63° Sparacello), Bianchimano (80° Sciamanna). a disposizione: Licastro, Turrin, Fortunato, Auriletto, Bezziccheri, Franchi, Samb. Allenatore: Maurizi.

LECCE (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino, Ciancio; Armellino, Arrigoni, Mancosu; Costa Ferreira (52° Legittimo); Saraniti (52° Caturano), Di Piazza (52° Dubickas). a disposizione: Chironi, Vicino, Valeri, Magelaitis, Tabanelli, Tsonev, Gambardella, Persano, Selasi. Allenatore: Liverani

ARBITRO: sig. Matteo Proietti di Terni

ASSISTENTI: sig.  Lorenzo Li Volsi di  Firenze e sig. Filippo Bercigli di Valdarno

MARCATORI: 10° Mancosu (L)

AMMONITI: 45° Di Piazza (L), 45° Mezavilla (R ), 70° Hadziosmanovic (R ), 81° Caturano (L)

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 8 aprile 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *