Lecce-Siracusa 1-1: le pagelle dei giallorossi

Giallorossi in bambola: l'attacco non punge e le inseguitrici non sbagliano un colpo

By
Updated: marzo 31, 2018
29664173_10211751110869096_11003275_n

29664173_10211751110869096_11003275_nLECCE (di Carmen Tommasi) – Niente dolce sorpresa pasquale per il Lecce di Fabio Liverani che con il Siracusa non va oltre l’1-1. Si riapre il campionato con le due dirette inseguitrici siciliane, Trapani e Catania, che non perdono un colpo (vincono entrambe e vanno a meno due dai salentini). Al 4′ del primo tempo calcio di punizione per i padroni di casa, Arrigoni sul pallone, Marino é bravo a svettare in area e a bucare la porta di Tomei: 1-0. Al 12′ è subito 1-1: De Silvestro insacca di testa il pallone e mette dentro su un cross disegnato di Liotti, ma l’ultimo tocco è di Lepore.

Le pagelle:

FILIPPO PERUCCHINI: ON-OFF.  Può qualcosa in più in occasione dell’1-1. Una buona parata dopo su Parisi e poco altro. VOTO 6.

FRANCO LEPORE: DISTRATTO. Male in occasione della rete del pareggio dei siciliani, è autorete, e in più di qualche altra situazione. VOTO 5.

Dal 27′ st LUCA DI MATTEO s.v.

FRANCESCO COSENZA: SOLARE. Chiude la gara in attacco, ma ciò non basta per portare a casa i tre punti. Bene tutto il resto. VOTO 6.5.

ANTONIO MARINO: BOMBER. Sigla il gol del vantaggio e poi la sua prestazione va in crescendo. Esce per scelta tecnica. VOTO 6.

Dal 27′ st EDGARAS DUBICKAS  s.v.

SIMONE CIANCIO: COMPITINO. Fa la sua partita, ma in piú di una situazione pensa maggiormente alla fase difensiva che a offendere. Gioca prima a destra e poi a sinistra, appare spesso poco preciso. VOTO 5.5.

MARCO MANCOSU: COTTO. La sua è stata una stagione importante, ma al momento sembra aver perso la lucidità. Tiene botta, prò, fino alla fine. VOTO 5.5.

ANDREA ARRIGONI: ELEGANTE. Uno dei pochi ad essere razionale  anche nei momenti del match più difficili. Fa andare in gol Marino e finisce la gara al centro della difesa. VOTO 6.5.

MARCO ARMELLINO: STANCO? Solo 28 minuti di gioco in cui non fa male. Liverani inspiegabilmente lo sostituisce e in sala stampa spiega il perchè. VOTO 6.

Dal 28′ st RADOSLAV TSONEV: VIVACE. Corsa, belle giocate e buone idee: una prestazione generosa. VOTO 6.

PEDRO COSTA FERREIRA: TITUBANTE. Parte bene e poi si perde con il passare dei minuti. VOTO 5.

DAL 27′ st ANDREA TABANELLI: CI PROVA. Vorrebbe spaccare il campo in due e dare una mano ai suoi, ci riesce solo a tratti ma il risultato non cambia. Poteva segnare il gol del vantaggio. VOTO 5.5.

ANDREA SARANITI: ISOLATO. Vede davvero pochi palloni nel primo tempo e la situazione non cambia nella ripresa. Si trova spesso spalle alla porta e non comunica con i compagni. VOTO 5.

MATTEO DI PIAZZA: SFORTUNATO. Ha davvero pochi palloni giocabili, ma si impegna e si procura la punizione da cui nasce il gol.  VOTO 5.5.

Dal 16′ st SALVATORE CATURANO: CORRICCHIA. Tanto lavoro sporco per i suoi: non bene ma meglio delle altre timide apparizioni. VOTO 5.5.

Allenatore FABIO LIVERANI: TANTA AMAREZZA. È un Lecce che fa fatica ad imporre il proprio gioco da ormai troppe partite. La squadra non fa bene nel primo tempo, soprattutto dopo l’1-1. Meglio nella ripresa, ma la porta avversaria sembra essere stregata. Restano ancora incomprensibili alcune scelte iniziali ed alcuni cambi nel corso della gara (spiegati, comunque, nel post match.) VOTO 5.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 31 marzo 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *