L’ex Turchetta castiga un Lecce abulico che cade a Caserta

Crisi di gioco e di risultati per il Lecce che ora si ritrova a 4 punti di vantaggio sulle dirette inseguitrici, sempre in testa, ma con degli evidenti problemi di identità da risolvere in breve tempo perché questo finale di campionato sarà difficilissimo

By
Updated: marzo 25, 2018
IMG-20180325-WA0024

CASERTA – Il Lecce scivola ancora e questa volta cade rovinosamente allo stadio “Alberto Pinto” di Caserta contro i falchetti che giocano un calcio semplice, segnano, e senza grilli per la testa difendono il risultato, vincendo meritamente con un gol di Turchetta, ex Lecce, che non esulta.

Crisi di gioco e di risultati per il Lecce che ora si ritrova a 4 punti di vantaggio sulle dirette inseguitrici, sempre in testa, ma con degli evidenti problemi di identità da risolvere in breve tempo perché questo finale di campionato sarà difficilissimo. Ovviamente la squadra di Liverani ha il pallino del gioco in mano, il suo destino dipenderà solo ed esclusivamente da quello che riuscirà a fare dal prossimo turno fino alla fine.

PRIMO TEMPO – Liverani, fedele al suo 4-3-1-2, schiera Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino, Di Matteo; Mancosu, Arrigoni, Tsonev; Tabanelli; Torromino, Saraniti.

D’Angelo, che deve fare a meno di Pinna squalificato,  risponde con un robusto 3-5- 2 Forte; Polak, Lorenzini, Meola; D’Anna, Carriero, De Rose, Finizio, Romano; Turchetta, Alfageme.

Arbitra il sig. Manuel Volpi di Arezzo

Gli ospiti provano a fare subito la gara, a centrocampo c’è traffico, si gioca molto sulla fascia destra del Lecce. Al 6° Lepore serve Saraniti che di destro in area calcia ma Forte para.

Al minuto 12 Tabanelli scatta, difende palla col corpo, e viene messo giù da D’Anna, calcio di punizione; sul batti e ribatti la sfera termina sul fondo.

Si gioca molto a centrocampo, Tabanelli recupera la sfera tra le linee e costringe gli avversari al fallo; i padroni di casa seppur in affanno riescono a ripartire diventando imprevedibili.

Al 24° incursione veloce di Torromino ma Lorenzini lo ostacola e la conclusione termina sul fondo.

Al 31° Arrigoni prova ad anticipare Carriero, entrambi giù, giallo per il 6 salentino.

Break dei padroni di casa al 35° che provano l’incursione con D’Anna che frana su Di Matteo e cade in area; protestano i falchetti ma l’arbitro decide, giustamente, di non concedere la massima punizione.

Al 37° Forte sbaglia il rinvio, cincischia con la sfera ma Saraniti non riesce a recuperare, poi il portiere calcia fuori.

Al 45° arriva il gol della Casertana: è un’invenzione di Turchetta che sguscia a sinistra, salta Lepore, e a giro batte Perucchini; il calciatore di proprietà del Lecce non esulta.

Non c’è tempo per il Lecce, dopo un minuto tutti negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO – Nella seconda frazione due le novità in avvio per Liverani: dentro Armellino e Di Piazza e fuori Tsonev e Torromino.

Nel primo minuto scatta Tabanelli e D’Anna lo butta giù, giallo e punizione sugli sviluppi palla in angolo che si conclude con un nulla di fatto.

Al 48° conclusione al volo di Saraniti, palla smorzata da Di Piazza ma Forte non ha problemi.

I salentini si riversano in avanti ma c’è tanta confusione tra il loro fraseggio e il gioco di rottura dei padroni di casa.

Al 53° altro cambio nel Lecce: dentro Legittimo fuori Di Matteo.

Al 61° Tabanelli pesca Saraniti che sull’esterno entra in area e invece di servire i compagni prova il tiro a giro ma la sfera termina fuori.

Al 65° quarto cambio nel Lecce dentro Persano al posto di Tabanelli.

Al 67° Lepore cross in area e Di Piazza ci prova di testa ma la conclusione è fuori misura. I salentini si riversano con tutti gli effettivi in avanti ma gli attacchi sono confusi e l’ansia sale.

Al 71° cambio nella Casertana dentro De Marco fuori Romano; i falchetti infoltiscono la difesa.

Al 77° Armellino cerca Di Piazza in area che prova l’acrobazia ma Finizio sbarra la strada, va giù ma per l’arbitro è tutto regolare.

Al 78° cambio nella Casertana: fuori Turchetta dentro Padovan.

Al 79° Di Piazza parte in contropiede e Lorenzini si salva e lo ostacolo al momento del tiro.

Al minuto 80 ultimo cambio per il Lecce dentro Caturano fuori Marino.

Al minuto 85 Saraniti gira a Caturano che prova la botta da fuori ma la sfera termina fuori.

All’87° cambio per i padroni di casa: dentro Rajcic fuori De Rose.

Saltano tutti gli schemi, passa il tempo, la lavagnetta luminosa segnala 4 minuti di recupero con i salentini che con rabbia ci provano ma subiscono e si salvano al 93° prima Meola colpisce il palo e poi Rajcic ci prova a porta vuota ma salva Lepore sulla linea.

Al 94° ci prova Persano ma la palla termina di poco alta.

Lecce sterile e abulico, Lecce completamente senza idee offensive deve arrendersi all’evidenza.

Vittoria meritata della Casertana che fa lo stretto necessario, segna, si chiude, e intelligentemente vince una gara che lascia tanti interrogativi in casa Lecce che, seppur continui a restare in vetta, si fa recuperare punti dalle dirette avversarie.

TABELLINO

CASERTANA – LECCE 1-0

CASERTANA (3-5-2) – Forte; Polak, Lorenzini, Meola; D’anna, Carriero, De Rose (87° Rajcic), Finizio, Romano; Turchetta (78° Padovan), Alfageme. A disposizione: Gragnaniello, Cardelli, Forte, De Marco, Santoro, Minale, Rainone, Tripicchio, De Vena. Allenatore: Taddei (D’Angelo squalificato).

LECCE (4-3-1-2): Perucchini; Lepore, Cosenza, Marino (80° Caturano), Di Matteo (53° Legittimo); Mancosu, Arrigoni, Tsonev (46° Armellino); Tabanelli (65° Persano); Torromino ( 46° Di Piazza), Saraniti.  A disposizione: Chironi, Centonze, Costa Ferreira, Di Piazza, Valeri, Ciancio, Gambardella, Selasi. Allenatore: Liverani

ARBITRO: sig. Manuel Volpi di Arezzo

ASSISTENTI: sig. Marcello Rossi di Novara e sig. Salvatore Affatato di Vco

MARCATORI: 45°Turchetta (C )

AMMONITI: 31° Arrigoni (L), 46° D’Anna (C ), 65° Alfageme (C ), 65° Cosenza (L)

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 25 marzo 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *