Post match – Liverani: “Rafforzato dalla prova della squadra: sostenete i ragazzi”

Il tecnico romano chiede di rimanere uniti: "La squadra va incoraggiata, in altre piazze vedo più ottimismo e non sono a più sette in classifica come noi"

By
Updated: marzo 11, 2018
28870774_10211607413476751_442279965317136384_n
Liverani

Fabio Liverani

LECCE (di Carmen Tommasi) – Fabio Liverani dopo lo 0-0 del suo Lecce al “Via del Mare” sul Matera prova ad analizzare la gara con molta lucidità e senza mandarle, come al suo solito, di certo a dire: “Se ho parlato con l’arbitro a fine gara? No, gli ho stretto solo la mano. Ho avuto a che fare con arbitri come Collina e Rizzoli…, ma posso solo dire che il primo rigore non dato non lo commento perchè non l’ho visto, il secondo su Di Piazza era netto perché il pallone non era uscito, lo dice il regolamento. La cosa incredibile é sentire dire un un allenatore (parla di Piero Braglia, ndr), il venerdì dopo le designazioni che, gli piacerebbe essere arbitrato da Massimi, questo é veramente pazzesco. Vedo e sento delle cose allucinanti…”.

ESSERE UNITI-  Il tecnico romano, poi, analizza i punti di forza della sua squadra e chiede a tutti di fare “gruppo”: “La mia squadra è forte, stiamo andando bene e non ricordo una parata di Perucchini in tutta la gara. Con le caratteristiche del Matera Di Piazza andava messo dal primo minuto? No.  Ad oggi sono molto più sereno di come lo ero dopo la gara di Siracusa, questo lo posso dire tranquillamente. Non sono preoccupato per il Trapani, secondo in classifica con il Catania; anzi mi sento molto più rafforzato dopo la partita di oggi. Cerchiamo di stare vicini alla squadra: questi ragazzi sono a più sette dalle seconde a otto partite dalla fine e vanno sostenuti. Non possiamo accollare ai ragazzi sei anni di serie c. Questa squadra ha bisogno di tutta la città: cerchiamo di stare tutti uniti e compatti. L’obiettivo si raggiunge non con la giocata del singolo, ma con l’unione de gruppo e noi siamo un bel gruppo. I ragazzi si allenano sempre al massimo e  vogliono continuare a fare bene”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 11 marzo 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *