Tabanelli a Piazza Giallorossa: “Gruppo compatto, fantastico l’abbraccio dei tifosi”

By
Updated: febbraio 26, 2018
Tabanelli ospite della puntata 1428 di Piazza Giallorossa
28535744_10156003964038467_1319651436_n

Andrea Tabanelli

LECCE – Andrea Tabanelli, ospite questa sera in diretta su Telerama nella trasmissione Piazza Giallorossa, puntata 1428, ha analizzato la sconfitta di ieri del Lecce al “Via del Mare” contro la Juve Stabia, ma non solo: “Sicuramente è stata una giornata storta per noi. Il campo diventata sempre più pesante e man mano che passava il tempo la gara si complicava. E poi, è arrivato -ha spiegato il centrocampista giallorosso, 28 anni- questo contropiede fatale e non ci siamo più ripresi. Loro erano molto chiusi e noi in quell’occasione in cui è arrivato il gol ci siamo fatti sorprendere. Fino alla loro rete non meritavamo assolutamente di perdere questa partita”.


SENSO DI APPAGAMENTO?
– “Se devo essere sincero non ho visto superficialità nel gruppo, perché sappiamo cosa ci stiamo giocando. Il possibile salto di categoria è molto importante per tutti noi, per la città, per i tifosi e per la nostra famiglia. Anche noi ci dobbiamo prendere le nostre responsabilità, e non solo il mister, per la sconfitta di ieri. Se contro le vespe è mancata la giusta cattiveria la metteremo sabato con l’Akragas. Di questo ne sono certo. L’importante è non perdere l’entusiasmo perché nella prossima partita dobbiamo andare a prenderci i tre punti. Gruppo compatto? Si, mi sembra di essere qui già da luglio, mi hanno accolto benissimo e siamo molto compatti come squadra. Come sto fisicamente? Mi sto allenando con gli altri e sono pronto a giocare. Se guardo la classifica? Ogni tanto lo faccio, ma testa bassa e pedalare”.


LA GARA – “Spiazzati dall’atteggiamento tattico degli avversari? Sicuramente avevamo preparato la partita più su un loro centrocampo a quattro, anche se poi eravamo pronti a tutto. Ma il problema è che non siamo riusciti ad imbucare la difesa avversaria. La giocata veloce non era sicuramente agevolata dal terreno da gioco pesante, anche se questa non deve essere una scusa. L’azione del gol? Non mi piace parlare degli errori individuali, ma su un lancio così la rete poteva essere evitata L’abbraccio dei tifosi a fine gara? É stato l’aapetto più positivo della giornata di ieri, non capita spesso una cosa del genere dopo una sconfitta. Ho voglia di riscattarmi qui a Lecce, visto che a Padova le cose non andavano benissimo e poi non potevo rinunciare all’offerta di una piazza come questa. Con il Lecce voglio fare il salto di categoria, per me questo è solo un punto di partenza…”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 26 febbraio 2018

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *