POST MATCH – Parlano Liverani e Tangorra, il tecnico del Lecce: “Contava la prestazione: squadra matura”

L'allenatore del Monopoli: "Per trentacinque minuti abbiamo fatto la partita"

By
Updated: dicembre 17, 2017
s
Liverani

Fabio Liverani, allenatore U.S. Lecce

LECCE  – Fabio Liverani con molta soddisfazione analizza la vittoria del suo Lecce, 2-0, sul Monopoli e sorride per il titolo di campione d’inverno:  “La mia  squadra ha concesso un tiro nel primo tempo e tre cross nella ripresa: oggi alla gara dei ragazzi non è mancato nulla.  Il primo tempo è stato molto aggressivo, mentre nel secondo tempo abbiamo creato diverse occasioni gol.  I ragazzi  -ha spiegato l’allenatore giallorosso- devono solo capire la differenza tra la gara di Pagani e quella odierna. La prestazione di oggi in campo era la cosa più importante. Siamo stati una squadra matura, questo è un buon segnale”.

LA SITUAZIONE –  “Man mano stiamo cercando di recuperare tutti gli acciaccati. Di Piazza e Caturano? Hanno lavorato molto bene, così come lo stesso Torromino. Abbiamo sofferto solo sui cambi di gioco. Cos’è successo a Di Piazza? Matteo credo che abbia avuto un risentimento muscolare, ma capiremo tutto meglio in settimana attraverso analisi più approfondite. Il Trapani è stato sottovalutato fino a questo momento? E’ la squadra che due settimane fa ha battuto il Catania, questo fa capire la loro forza. E’ importante aver ‘vinto’ il titolo di campione d’inverno, ma non è fondamentale”.

L’AVVERSARIO – La parola passa, infine, a Massimilano Tangorra allenatore dei gabbiani: “In questo periodo mi sento spesso e volentieri in discussione, ma so che la società mi è vicina e nel mondo del calcio funziona così. La mia squadra anche oggi ha dimostrato di stare bene in campo e per circa trentacinque minuti si è visto solo il Monopoli a fare la partita.  Noi prevedibili? Ovviamente prima non ci conoscevano ma adesso tutti sanno come affrontarci. A mio parere, Catania e Lecce si equivalgono come ambiente, il Trapani, invece, è un gradino sotto a loro due”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 17 dicembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *