La Paganese: il prossimo avversario

La formazione di Masimiliano Favo è ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale tra le mura amiche del "Marcello Torre"

By
Updated: dicembre 5, 2017
831361.png.pagespeed.ce.ggoB2pHC_K[1]
831361.png.pagespeed.ce.ggoB2pHC_K[1]

Paganese-Lecce per la 18esima giornata

LECCE (di Carmen Tommasi) –  Dopo il turno di sosta caduto a pennello per ricaricare le batterie e per recuperare gli infortunati, il Lecce alla 18esima giornata incontra la Paganese. Squadra che naviga nei bassifondi della classifica del girone C ed in attesa dell’apertura del mercato di riparazione per rinforzarsi con qualche pedina importante. Formazione che, nella stagione in corso, non ha mai conquistato i tre punti tra le mura amiche.

Nell’ultima gara contro la Sicula Leonzio i campani hanno vinto 3-0 allo stadio “Massimino” di Catania: successo ampiamente meritato per gli azzurrostellati con Scarpa e soci autori di una prestazione autorevole che permette ai campani di rimettersi in corsa per la salvezza. Il risultato è stato sbloccato al 19′ da Cesaretti che lascia partire un gran destro dal limite con la palla che termina alla sinistra di Narciso. Il raddoppio al 58′: lancio sul filo del fuorigioco per Maiorano che calcia di prima intenzione superando l’estremo difensore in uscita. Al 95′ ci pensa il solito Scarpa a siglare il risultato sul definitivo 3-0 per il suo quinto centro stagionale. Terza vittoria esterna, quindi, per i prossimi avversari dei giallorossi.

Gli azzurri dopo 16 gare disputate, hanno già osservato il turno di riposo, contano 14 punti in classifica -terz’ultimo posto- frutto di 3 gare vinte, 5 pareggiate e 8 perse, con 17 gol siglati e ben 25 subiti, ovvero la seconda peggior difesa del girone. La squadra di Massimiliano Favo e di capitan Carcione è stata costruita per giocare con il 4-3-3 e con l’intento di proporre un calcio propositivo, con un equilibro tattico che sta alla base dell’idea di calcio del 50enne tecnico napoletano. Il modulo preferito del mister della Paganese è, però, sicuramente il 4-2-3-1.

L’ex di turno del match è l’estroso portiere senegalese Lys Gomis: nel prossimo match la difesa giallorossa dovrà fare attenzione al tridente d’attacco composto da Talamo, Maiorano e Cesaretti, ma non è detto che in vista dell’arrivo della capolista Favo non decida di cambiare qualcosa in avanti e non solo. Fischio d’inizio, domenica 10 dicembre, alle ore 16:30 allo stadio “Marcello Torre” di Pagani.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 5 dicembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *