Lepore: “Il maggior pericolo per il Lecce è il Lecce stesso”

Il centrocampista giallorosso ha dichiarato: "Abbiamo ancora margini di miglioramento"

By
Updated: dicembre 1, 2017
Lepore

LECCE –  Una turno di stop importante per ricaricare le batterie per poi guardare avanti con la massima positività. Questo il pensiero di capitan Franco Lepore che, in conferenza stampa, analizza il momento del Lecce: “Il riposo cade a pennello in questa settimana perché ci permetterà di ricaricare le pile sia a livello mentale, che fisico. Siamo primi in classifica; i numeri parlano chiaro, e credo con pieno merito. Nessuno -ha spiegato il capitano- ci ha regalato nulla e dobbiamo continuare a ragionare sempre come stiamo facendo, da gruppo, sapendo che abbiamo ampi margini di miglioramento. Catania e Trapani che inseguono? Il maggior pericolo per il Lecce siamo noi stessi, nel senso che molto dipenderà dall’atteggiamento che avremo. In cosa si poteva migliorare a Fondi? Forse su un po’ di precisione in più nei passaggi, ma le occasioni che abbiamo avuto e che non abbiamo sfruttato hanno portato al pareggio.

UN NUOVO LECCE “La differenza con lo scorso campionato? Allora avevamo un avversario collaudato come il Foggia, con giocatori che si conoscevano da tempo e per questo erano avvantaggiati. Quest’anno lo siamo noi, ma decide sempre il campo, domenica dopo domenica. Finora, tra gli avversari, mi ha sorpreso maggiormente il Siracusa, ma anche le altre sono buone squadre. La lunga sosta del campionato sarà importante per staccare un po’ la spina e farsi poi trovare pronti alla ripresa per il rush finale”.

GRANDE NOVITA’ – “Oltre ad uno striscione della Curva Nord, la scritta ‘forte de capu’ ed ai nomi di mia moglie e di mia figlia, ho aggiunto anche un pinguino per ricordare e portare sempre con me un caro amico che purtroppo non c’è più, ma che da lassù ci segue lo stesso e tiferà molto. Spero di poter regalare anche a lui una grande soddisfazione…”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 1 dicembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *