Il Lecce, in rimonta, spinge fuori dalla Coppa Italia un ottimo Bisceglie

Vincono i giallorossi dopo l’ennesima gara rocambolesca: prima passano in svantaggio in superiorità numerica e poi rimontano con carattere grazie all’ingresso in campo dei senatori, uno però, in modo particolare, ha cambiato gli equilibri, si chiama Matteo Di Piazza ed è in strepitosa forma

By
Updated: novembre 21, 2017
23722230_10210847137310322_4105318420747399768_n

LECCE – Martedì di Coppa Italia al Via del Mare dove però ci sono soltanto 784 spettatori paganti (incasso € 4525,00), complice la giornata lavorativa; di fronte a scontrarsi nella gara secca Lecce e Bisceglie. Liverani contro Zavettieri, tanti giovani in campo e tante belle speranze.

Vincono i giallorossi dopo l’ennesima gara rocambolesca: prima passano in svantaggio in superiorità numerica e poi rimontano con carattere grazie all’ingresso in campo dei senatori, uno però, in modo particolare, ha cambiato gli equilibri, si chiama Matteo Di Piazza ed è in strepitosa forma.

Nel primo tempo dopo un buon avvio dei giallorossi cresce il Bisceglie che potrebbe passare in vantaggio prima su calcio di rigore ma Chironi neutralizza il tiro di Gabrielloni, e poi è lo stesso Gabrielloni a divorarsi un gol fatto al 43°. Il Lecce si rende pericoloso solo una volta con Pacilli al 15°. Nel secondo tempo fuochi d’artificio: al 57° Torromino si fa parare un rigore e il Bisceglie rimane in dieci ma riesce a passare in vantaggio con un ottimo colpo di testa di Azzi; al 74° pareggia Mancosu su calcio di rigore e al 90° Dubickas, con una zampata felina, regala la qualificazione alla propria squadra.

Tsonev e Boljat

Tsonev e Boljat

PRIMO TEMPO –  Zavettieri deve fare a meno solo di Diallo e potrebbe decidere di mandare in campo il secondo portiere Vassallo con una linea di difesa a 4 formata da Petta, Giron, Jurkic, Migliavacca, centrocampo a 3 con Risolo, Boljat, Lugo Martinez e in attacco Azzi, Gabrielloni, Montinaro.

Liverani attua un ampio turnover e schiera sempre col 4-3-1-2 Chironi in porta, Gambardella, Riccardi, Drudi, Valeri in difesa con Tsonev, Arrigoni, Megelaitis a centrocampo, Pacilli dietro le punte Torromino e Dubickas.

Arbitra il sig. Gianpiero Miele di Nola coadiuvato dal sig. Rosario Caso di Nocera Inferiore e dal sig. Stefano Montagnani di Salerno.

Pressing asfissiante del Lecce che occlude lo spazio ai portatori di palla, buon giro palla e verticalizzazioni veloci nei primi 5 minuti, poi c’è un break degli ospiti che ottengono un paio di corner senza però rendersi pericolosi.

Al 15° il primo vero tiro della gara è del Lecce dopo un buon dialogo Torromino, Dubickas e Pacilli che spara sul portiere.

Al 21° dopo un fallo di Valeri su Migliavacca l’arbitro concede una punizione a 20 metri da Chironi; lo batte Lugo Martinez con la sfera che termina alle stelle.

Al 24° Torromino per Pacilli, cross in mezzo dove c’è Megelaitis che prova il colpo di tacco ma l’impatto è lento e impreciso.

Al 26° Azzi entra in area dribbling e va giù toccato da Valeri e per il sig. Miele è calcio di rigore; lo batte Gabrielloni e Chironi indossa la mantella da superman e lo para distendendosi sulla sua sinistra. Il Bisceglie inizia a coprire bene gli spazi e con aggressività crea confusione in mezzo al campo.

Al 37° Pacilli danza sulla sfera sulla trequarti e viene atterrato da Boljat, calcio di punizione e lo batte Arrigoni, ribatte la barriere ed è corner: nulla di fatto sugli sviluppi.

Seppur il possesso palla sia loro i salentini non creano nessun azione veramente importante.

Al 43° gli ospiti, cresciuti col passare dei minuti, potrebbero passare in vantaggio; Azzi entra in area, supera Valeri, e la serve su un piatto d’argento a Gabrielloni che da due passi non riesce a metterla nel sacco. Al 44° Lugo Martinez tiro cross con Chironi che fa sua la sfera.

Il primo tempo termina o-o.

Liverani

Liverani

SECONDO TEMPO – I giallorossi rientrano in campo con Ciancio al posto di Valeri sulla corsia sinistra e Mancosu al posto di Megelaitis in mezzo al campo.

Gli ospiti spingono subito e trovano un corner al 47°: sugli sviluppi Chironi allunga le braccia senza problemi.

Al 50° Boljat interviene in maniera dura su Dubickas e il sig. Miele lo ammonisce e concede la punizione al Lecce da buona posizione, batte Arrigoni spaza la difesa.

Al 52° Lugo Martinez prova la bomba dal limite dell’area di rigore ma la mira non è buona. La squadra di Zavettieri è più in palla, i salentini invece sono poco incisivi.

Col passare dei minuti crescono i padroni di casa; al 57° lampo Pacilli che riceve e da fuori area calcia un bel diagonale ma Vassallo vola e devia la sfera.

Un minuto dopo Mancosu trova il corridoio per Torromino che entra in area e subisce fallo da Migliavacca ed è calcio di rigore ed espulsione per il difensore: lo batte lo stesso Torromino e Vassallo si prende la mantella di Superman di Chironi e lo para.

Un rigore sbagliato o parato per parte.

Al 64° si sblocca la gara ed è proprio il migliore in campo, Azzi, servito da Giron,  che sfugge a Gambardella e di testa batte Chironi; Bisceglie in vantaggio. Al 67° doppio cambio per Zavettieri: fuori Gabrielloni dentro Raucci, fuori   Azzi dentro Jovanovic.

Liverani però non ci sta a perdere e al 71° gioca la carta Di Piazza che entra al posto di Gambardella e schiera la squadra a trazione anteriore.

Di Piazza

Di Piazza

Al 74° è proprio Di Piazza a guadagnarsi il calcio di rigore andando giù per una fallo di Montinaro che prende il giallo. Batte Mancosu e spiazza Vassalo: 1-1.

I giallorossi si riversano in avanti. Al minuto 82 Di Piazza serve Dubickas che entra in area si gira e cede a Tsonev: il bulgaro calcia ma Vassallo para.

Assalto Lecce: tiri da fuori di Torromino, poi di Tsonev mentre il tempo passa inesorabilmente ma proprio allo scadere del tempo regolamentare Torromino mette in mezzo per Dubickas che con una zampata, di destro, batte Vassallo e completa la rimonta.

La squadra ospite però non si arrende, nemmeno in 10 uomini e spinge per cercare il pareggio: al 92° Montinaro la mette dentro per Giron ma Drudi devia in angolo: sugli sviluppi Chironi esce e spegne ogni speranza.

E potrebbero diventare tre i gol per i giallorossi: al 93° Pacilli se ne va serve in profondità Di Piazza che scatta calcia in diagonale ma Vassallo si salva in angolo… mancano solo pochi secondi e il Lecce gestisce la sfera fino al triplice fischio finale.

Il Bisceglia esce a testa alta dal Via del Mare e dalla Coppa Italia. La squadra di Liverani non si ferma più.

TABELLINO

LECCE – BISCEGLIE 2-1                                

LECCE (4-3-1-2): Chironi; Gambardella (71° Di Piazza), Riccardi, Drudi, Valeri (46° Ciancio); Tsonev, Arrigoni, Megelaitis (46° Mancosu); Pacilli; Torromino, Dubickas. A disposizione: Vicino, Lepore, Marino, Lezzi, Angelini, Castrovilli, Avantaggiato, Schena. Allenatore: Liverani

BISCEGLIE (4-3-3): Vassallo; Petta, Giron, Jurkic, Migliavacca; Risolo, Boljat, Lugo Martinez; Azzi (67° Jovanovic), Gabrielloni (67° Raucci), Montinaro. A disposizione: Crispino, Partipilo, Toskic, D’Ancora, Delvino, Vrsoljak, Alberga, Markic. Allenatore: Zavettieri

ARBITRO: sig. Gianpiero Miele di Nola

ASSISTENTI: sig. Rosario Caso di Nocera Inferiore e sig. Stefano Montagnani di Salerno.

MARCATORI: 64° Azzi (B), 74° Mancosu (L) su rig., 90° Dubickas (L)

AMMONITI: 50° Boljat (B), 74° Montinaro (B)

ESPULSO: 58° Migliavacca (B)

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 21 novembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *