Liverani tiene alta l’attenzione: “Fare bene senza guardare la loro classifica, è bugiarda”

Il tecnico del Lecce presenta la sfida di domani sera, dodicesima giornata del girone C, contro la Fidelis Andria in quello che sarà un vero e proprio testa-coda

By
Updated: novembre 3, 2017
PIN_9858

PIN_9858LECCE (di Carmen Tommasi) – Parola d’ordine: guai a sottovalutare la Fidelis Andria, ultima in classifica con 7 punti insieme alla Paganese, e mai vincente dall’inizio del campionato. Il tecnico Fabio Liverani, alla vigilia della gara allo “Stadio degli Ulivi” delle ore 20:30, avverte i suoi: “I nostri prossimi avversari sono a caccia della prima vittoria in campionato, ma hanno anche perso poco. In casa hanno un atteggiamento equilibrato ed aggressivo, con buone individualità: dovremmo essere bravi -ha spiegato l’allenatore giallorosso- a concedere poco. Sarà una partita non facile: hanno giocatori di qualità, bravi nei calci piazzati e su questo aspetto dobbiamo stare attenti. Loro sono una squadra in salute, la classifica non è veritiera e quindi non bisogna cullarsi. Dobbiamo essere bravi a sfruttare le occasioni che avremo riuscendo a trovare subito la via del gol. Da uomo di calcio mi dà molto dispiacere l’assenza dei nostri tifosi nel match di domani e questo è un discorso che vale per tutte le occasioni in cui ciò succederà anche agli altri, perché lo sport è festa ed allegria. La spinta dei nostri tifosi, poi, per noi è fondamentale ma dobbiamo accettare le decisioni che arrivano dall’alto ed andare avanti”.

Mister, come mai nelle ultime gare la sua squadra fa fatica a segnare?

“Dobbiamo continuare sul cammino intrapreso. In queste settimane abbiamo notato come gli avversari siano stati bravi a darci poche occasioni, con gli attaccanti rimasti a secco. Ogni partita è diversa dall’altra e sta a noi riuscire a sbrogliare le situazioni complicate trovando la via del gol”.

Antonio Marino non è stato convocato, mentre Mirko Drudi è ok: come sta la sua squadra?

“Antonio soffre una infiammazione che non preoccupa molto, mentre Drudi ha superato l’ecografia ed è pienamente arruolabile. Per il resto ci sono tutti e questo è fondamentale in vista del trittico di gare ravvicinate che ci attende. La formazione? I ragazzi mi mettono in difficoltà per le mie scelte e ho tempo fino a domani per decidere: Devo pensare anche al  calendario e di certo sceglierò tra la rosa che ho a disposizione, ci sarà spazio quasi per tutti”. 

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 3 novembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *