Ammenda salata al Lecce: le decisioni del giudice sportivo

By
Updated: ottobre 31, 2017
GIUDICE-SPORTIVO-213212

LECCE – Qui di seguito le decisioni del giudice sportivo dopo l’undicesima giornata del campionato di serie C. 

AMMENDE:
€ 3.500,00 LECCE perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore numerosi fumogeni alcuni dei quali venivano lanciati nel recinto di gioco; i medesimi introducevano e facevano esplodere nel recinto di gioco numerosi petardi alcuni di notevole potenza, il tutto senza conseguenze (recidiva, r.proc.fed.e cc.).
€ 2.500,00 AKRAGAS perché un componente della panchina aggiuntiva, ivi ammesso pur privo di tesseramento, rivolgeva una frase offensiva verso un assistente arbitrale.
€ 1.500,00 ARZACHENA per indebita presenza, nel recinto di gioco, di persona non autorizzata che vi permaneva nonostante l’intervento di addetti federali. 
€ 1.500,00 CARRARESE perché propri sostenitori in campo avverso introducevano, accendevano e lanciavano sul terreno di gioco un fumogeno la cui combustione provocava l’incendio di un cartellone pubblicitario, senza ulteriori conseguenze (r.cc.e proc.fed.).
€ 1.500,00 PISA perché propri sostenitori in campo avverso danneggiavano gravemente i servizi del settore dello stadio loro riservato provocandone l’allagamento (obbligo risarcimento danni se richiesto, r.cc.).
€ 1.000,00 PRATO perché al termine della gara persona non identificata ma riconducibile alla società lanciava una bottiglietta piena d’acqua contro una finestra degli spogliatoi, rompendone il vetro (obbligo risarcimento danni se richiesto, r.cc e proc.fed.).
€ 1.000,00 VITERBESE CASTRENSE perché propri sostenitori in campo avverso introducevano e facevano esplodere nel proprio settore un petardo di notevole potenza, senza conseguenze (r.proc.fed.).

DIRIGENTI:
INIBIZIONE FINO AL 13 NOVEMBRE 2017:
TRINCHERA STEFANO (COSENZA) per comportamento irriguardoso nei confronti della terna arbitrale (r.A.A.).

AMMONIZIONE:
CALIFANO GIANNI (PRATO) per proteste verso l’arbitro durante la gara (espulso).

ALLENATORI:
AMMONIZIONE:

D’ANGELO LUCA (CASERTANA) per proteste verso l’arbitro durante la gara (espulso).
VANIGLI RICHIARD (CATANIA) per comportamento non regolamentare in campo durante la gara (espulso).

CALCIATORI ESPULSI:
SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE:

GIRON MAXIME FRANCOIS (BISCEGLIE) per atto di violenza verso un avversario a gioco fermo.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA:
STEFANI MIRKO (PORDENONE) per atto di violenza verso un avversario in azione di gioco.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE:
SEPE ANTONIO (AKRAGAS) entrambe per condotta scorretta verso un avversario.
MASTALLI ALESSANDRO (JUVE STABIA) entrambe per comportamento non regolamentare.

CALCIATORI NON ESPULSI:
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (V INFR):

SALVEMINI FRANCESCO PAOLO (AKRAGAS)
VICENTE BRUNO LEONARDO (AKRAGAS)
PINO STEFANO (VIRTUS FRANCAVILLA)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IV INFR)
BIZZOTTO NICOLA (BASSANO VIRTUS)
DEROSE FRANCESCO (CASERTANA)
DE GIORGI FRANCESCO (FIDELIS ANDRIA)
MATERA ANTONIO (FIDELIS ANDRIA)
CRETELLA RICCARDO (GAVORRANO)
PINTO DANIELE (GIANA ERMINIO)
MORERO SANTIAGO EDUARDO (JUVE STABIA)
DI GENNARO MATTEO (RENATE)
ARCIDIACONO PIETRO (SICULA LEONZIO)
VARAS MARCILLO JONNATHAN KEVIN (TERAMO)
BIANCHIMANO ANDREA (REGGINA)
PEVERELLI ANDREA (VITERBESE CASTRENSE).

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 31 ottobre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *