QUI CATANIA – Lucarelli è deluso: “Pensavo che i ragazzi avessero capito cosa voglia”

By
Updated: settembre 4, 2017
Lucarelli

LECCE  – Il tecnico del Catania, Cristiano Lucarelli, in sala stampa ha analizzato il k.o. di Caserta. La sua squadra sabato ospiterà al “Massimino” il Lecce di Roberto Rizzo: “Abbiamo concesso qualcosa e siamo stati puniti nell’unica volta che eravamo con la difesa schierata. Troppe palle perse anche semplici passaggi sbagliati da giocatori importanti. Il pareggio sarebbe stato il risultato –ha spiegato il mister ai colleghi di .itasportpress.it-  più giusto ma visto che la Casertana aveva più di noi il sangue negli occhi giusto che abbiano vinto loro. Da due mesi dico ai ragazzi cosa fare ma poi in campo si vede altro.  Lodi non ha trovato la posizione e perdere un un uomo in mezzo al campo poi è dura visto che la manovra è risultata prevedibile. Da due mesi che provo l’atteggiamento in trasferta ma oggi non ho avuto le risposte che cercavo. Purtroppo mi è sembrato un film già visto visto quello che è successo negli anni precedenti in trasferta e senza rabbia si fa fatica. La squadra non ha fatto bene e non mi aggrappo agli alibi. Io non mi sento un perdente e non cerco scuse. Con Fornito in campo ho voluto dare maggiore spinta offensiva provando a vincerla la partita. Ha fatto un solo allenamento con noi l’ex Trapani ma era l’unica mezzala rimasta con gamba in grado di fare il cambio di passo. Noi durante l’estate ci siamo preparati in un modo ma dopo il mercato qualcosa è cambiato e adesso dobbiamo cercare di valorizzare i centrocampisti che ci sono rimasti. Purtroppo oggi non è andata bene anche con i cambi. Mi spaventa la difficoltà di esprimersi in trasferta di questa squadra che perde l’identità. Troppa gente ha giocato da fermo oggi e in Serie C puoi averi i piedi di velluto ma se non corri e pedali è dura. Ci sono rimasto male perché sul piano di gioco pensavo che i ragazzi avessero capito cosa voglio. Comunque prendiamo questa sconfitta come un incidente e ripartiamo”.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Pubblicato il: 4 settembre 2017

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *